2Di Group > News > News ambito Sicurezza sul Lavoro > Valutazione rischio piscine Milano
Title Image

Valutazione rischio piscine Milano

Valutazione rischio piscine Milano

Valutazione rischio piscine Milano

Le disposizioni previste dalla legge

Sono tanti gli obblighi previsti in materia di tutela igienico-sanitaria e di sicurezza dei bagnanti. L’Accordo Stato – Regioni del 16 gennaio 2003 indica i criteri e le procedure da rispettare nell’ambito della valutazione rischio piscine Milano. In generale, vengono presi in considerazioni tutti gli aspetti tecnici e funzionali degli ambienti. Ad esempio la costruzione, la manutenzione e la vigilanza delle piscine ai fini della tutela igienico-sanitaria e della sicurezza dei bagnanti.

Le disposizioni indicate si applicano a tutte le piscine, pubbliche e private. Questo vuol dire che le piscine destinate ad uso pubblico o collettivo sono sottoposte agli stessi obblighi. Rientrano quindi le piscine condominiali, le piscine di albergo, ma anche le piscine di palestre e centri termali, etc.

Come adeguarsi alla normativa?

Vediamo nel dettaglio cosa è necessario fare per essere sicuri di rispettare le leggi vigenti. Innanzitutto, per legge è prevista la nomina di un Responsabile di Piscina. Si tratta di un vero e proprio professionista, con il compito principale di garantire la corretta gestione igienico sanitaria di tutti gli elementi funzionali del complesso o dell’attività. Non solo: il Responsabile di Piscina ha il compito di implementare un documento di valutazione del rischio (Manuale di Autocontrollo) in cui indicare nel dettaglio tutte le criticità identificate.

A cosa serve il Manuale di Autocontrollo?

Il Manuale di Autocontrollo è un documento in cui viene riportata la Valutazione rischio piscine Milano. In esso devono essere trattati alcuni punti fondamentali:

  1. l’analisi dei pericoli igienico-sanitari reali e potenziali per la piscina
  2. l’individuazione dei punti o delle fasi in cui possono verificarsi i pericoli
  3. la definizione delle misure preventive da adottare di conseguenza
  4. l’individuazione dei punti critici e la definizione dei limiti critici degli stessi con relativo monitoraggio
  5. l’individuazione delle azioni correttive
  6. le verifiche del piano e del riesame periodico (con dati e informazioni aggiornate sulle eventuali variazioni delle condizioni iniziali, delle analisi dei rischi, dei punti critici, e delle procedure in materia di controllo e sorveglianza)

Inoltre, il Responsabile della Piscina è obbligato a conservare tutti i documenti. Questo perché deve tenere a disposizione delle autorità ispettive tutti i dati che attestano che le verifiche richieste siano state effettivamente eseguite. Tra questi, ad esempio, è obbligatorio avere un registro delle analisi dell’acqua di vasca.

Cosa possiamo fare per te?

La nostra consulenza prevede:

  • Visita di sopralluogo con valutazione preliminare attraverso un check-up mirato
  • Raccolta dati al fine di valutare le attività svolte all’interno della realtà
  • Redazione del Manuale Impianto Natatorio e delle Procedure Operative richieste per il monitoraggio dei punti critici evidenziati in conformità al provvedimento
  • Attività formative sulla corretta gestione del Manuale Impianto Natatorio
  • Audit Interni per valutare la corretta implementazione procedurale
  • Analisi di Autocontrollo in campo e in laboratorio accreditato